Se lo scarafaggio sei tu

74982566
Emigrati italiani

Joele l’hanno ucciso, a quanto pare, perché era straniero, migrante e “rubava lavoro agli inglesi”. Cercava una vita diversa, Joele. E magari una lingua in più, una prospettiva più ampia per la sua giovane vita. Invece è morto.

Pensavo che al posto di Joele ci poteva essere chiunque tra noi. Persino chi in Italia e in Sardegna passa il tempo a gridare/postare che gli emigrati vanno respinti, che bisogna fare i muri in acqua, che l’emigrato ruba il lavoro all’italiano e tutte quelle panzane post-punk che fanno intenerire.

Loro forse non lo sanno, ma in un’ora e mezzo di volo, una civile persona del “nord” del mondo può essere trasformata in un ripugnante terrone “meridionale”. E tu, da razzistello occidentale e pettinato ti ritrovi a giocare la parte del discriminato, respinto, confinato. Ti ritrovi a sopportare un po’ di quei luoghi comuni che in Italia, appena mezz’ora prima, tu riversavi sui rom o sui neri o sugli immigrati o sulla tua ministra nera della repubblica.

È come nella metamorfosi di Kafka. Solo che questo non è un libro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Warning: sizeof(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /homepages/27/d573394058/htdocs/ilpopblog/wp-content/plugins/bmo-expo/classes/theGallery.php on line 136